Ignora comandi barra multifunzione Torna a contenuto principale

I retailer globali cercano sbocchi di crescita nei mercati emergenti

Dubai sfida Londra come principale destinazione per il retail

Los Angeles – 13 aprile 2011 – I mercati emergenti stanno beneficiando della lenta ripresa economica ponendosi come economie target per i retailer internazionali, grazie al loro potenziale di crescita e alla probabile immunità da misure di austerità fiscale. È quanto emerge dall’edizione 2011 di How Global is the Business of Retail? (Quanto è globale il business del retail?), pubblicato da CB Richard Ellis Global Research and Consulting.

Il sondaggio annuale di CBRE, giunto alla sua quarta edizione, rileva la presenza globale di 300 dei maggiori retailer mondiali in oltre 200 città, per individuare quali siano le tendenze dell'espansione di questo settore a livello nazionale e locale. Il rapporto rivela che i mercati emergenti stanno attirando un numero sempre maggiore di retailer globali, ponendosi in competizione con i centri internazionali del retail. Come Dubai che, scalando la classifica di CBRE, è arrivata a condividere con Londra la posizione di testa come destinazione più ambita dagli operatori del retail.

Secondo i risultati del rapporto, i retailer americani sono quelli più globali, essendo il 73% di essi presente in tutte e tre le regioni. Questo in confronto al 45% degli operatori di Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA) e al 26% di quelli della regione Asia Pacifico.

Dubai e Londra sono seguiti, in questa classifica delle città con maggiore vocazione per il retail, da mercati maturi come quelli di New York (44,3% dei retailer internazionali), Parigi (43,6%) e Hong Kong (40,6%), che dimostrano quindi chiaramente di mantenere una forza attrattiva a livello globale. La composizione del resto delle prime 20 posizioni comprende un mix di mercati tradizionali ed emergenti, mettendo in evidenza quanto il business internazionale del retail sia autenticamente globale.

“Tradizionalmente, molti retailer americani sono stati poco disposti ad adottare un modello basato sul franchising” dice Anthony Buono, Amministratore delegato esecutivo dei Retail Services di CBRE. “Tuttavia, in un momento in cui i mercati emergenti continuano a dimostrare potenziali di crescita superiori a quello degli Stati Uniti, gli operatori stanno rapidamente adottando il franchising come strategia a breve termine per penetrare in Medio Oriente, Sud America e Asia Pacifico".

Attraendo più della metà (il 56%) di tutti i marchi retail analizzati, Dubai è ora alla pari di Londra come città più popolare al mondo per il retail. Con i suoi 1,2 milioni di metri quadrati di spazio per retail conquistati dal mercato dal 2006, una base di consumatori di buon livello economico e una concorrenza molto limitata da parte di competitor locali, la dimensione di Dubai come principale destinazione dei retailer internazionali è cresciuta rapidamente. Un altro dato di tendenza è rappresentato dall’afflusso di retailer americani negli ultimi 18 mesi.

Per richiedere una copia del rapporto, contattare Larry Koestler all’indirizzo Lawrence.koestler@cbre.com.


Informazioni su CB Richard Ellis
CB Richard Ellis Group, Inc. (NYSE:CBG), società Fortune 500 e S&P 500 con sede a Los Angeles, è la più grande società al mondo per la fornitura di servizi rivolti agli immobili commerciali (in base al fatturato 2010). La società impiega circa 31.000 dipendenti (escludendo le consociate) e fornisce servizi a proprietari di immobili, investitori nel settore immobiliare e residenti attraverso più di 300 sedi (escludendo le consociate) in tutto il mondo. CB Richard Ellis offre consulenze strategiche e si occupa della vendita e della locazione di proprietà immobiliari; servizi aziendali; gestione di proprietà, infrastrutture e progetti; finanziamento di mutui; stime e perizie; servizi di sviluppo; gestione di investimenti; ricerche e consulenze. Per informazioni, visitare il sito Web della società www.cbre.com.

CBRE Offices Global

CBRE Offices Worldwide