Ignora comandi barra multifunzione Torna a contenuto principale

Una catena di fornitura forzata porta a una crescita globale delle locazioni industriali migliore del previsto

CB Richard Ellis indica Tokyo come mercato più costoso al mondo

Los Angeles, 8 giugno 2011 La mancanza di immobili industriali idonei e disponibili spinge verso l’alto i costi delle locazioni industriali e favorisce il ritorno di sviluppo speculativo in molti dei principali mercati: questo secondo il nuovo rapporto di CB Richard Ellis Group, Inc. (CBRE).

L’ultima analisi globale del settore della logistica industriale di CBRE rivela che le strategie di espansione e la domanda da parte del settore retail contribuiscono in parte a sostenere l’incremento dei prezzi delle locazioni industriali, in modo particolare nei mercati asiatici, insieme alla crescita del commercio mondiale, a livelli dei periodi precedenti la crisi.

Tuttavia, il rapporto Global Industrial MarketView evidenzia come il fattore di crescita principale vada ricercato nella mancanza di immobili di alto profilo idonei, nella maggior parte delle regioni, e che questo dovrebbe continuare a trascinare verso l’alto i prezzi delle locazioni più prestigiose durante tutto il 2011.

Secondo il Global Industrial Rent Index di CBRE, la crescita delle locazioni è stata migliore del previsto. L’indice è infatti risalito dell’1,3% nel primo trimestre del 2011, la maggiore crescita trimestrale dal secondo trimestre 2007. Rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, la crescita è stata del 2,1%.

L’Economista Capo Globale di CBRE, Ray Torto, sottolinea come: “Una catena di fornitura forzata e le iniziative degli occupanti per realizzare risparmi e redistribuire i costi dei magazzini sui fornitori esterni di servizi di logistica rappresentano i principali trend che continueranno a sostenere la domanda da parte degli occupanti e la futura crescita dei prezzi delle locazioni. Anche i flussi del commercio mondiale sono stati ridefiniti, e questo sarà positivo per la domanda di logistica nel medio periodo”.

Torto osserva tuttavia che il settore industriale, come tutti i settori del mercato immobiliare commerciale, sta facendo registrare una graduale e per certi versi irregolare ripresa che sarebbe influenzata da più fattori variabili, alcuni dei quali globali e altri specifici di ogni realtà locale.

“Il miglioramento della logistica commerciale e della crescita economica nella maggior parte delle economie andrà a vantaggio del settore industriale globale. Tuttavia, con la fiducia dei consumatori che continua a vacillare e gli elevati livelli di disoccupazione in alcuni mercati, il tasso di ripresa del settore continuerà ad essere fragile” aggiunge Torto.

“Altri macro rischi come l’instabilità politica in alcuni paesi e l’effetto dei più elevati prezzi del petrolio sono poi, a breve-medio termine, ugualmente critici per il settore globale della logistica. Da solo, un incremento del 19,5% del prezzo del greggio nel primo trimestre ha avuto riflessi importanti sulla base dei costi degli occupanti del settore logistico e potrebbe, in futuro, influire sulle decisioni di locazione”.

L’analisi di CBRE riguarda 55 dei principali mercati industriali e della logistica in tutto il mondo. Essa mostra come, nel primo trimestre 2011, Tokyo continui ad essere il mercato industriale più costoso per i centri logistici e di distribuzione, con un prezzo medio di locazione di 22,15 dollari al piede quadrato. Nonostante una lieve contrazione fatta registrare nello stesso trimestre, Londra si conferma in seconda posizione (20,04 dollari al piede quadrato), mentre Singapore, con 14,04 dollari al piede quadrato, ha superato San Paolo, in Brasile (12,88 dollari al piede quadrato) come terza piazza più costosa.

Il rapporto mostra, poi, come i mercati dell’Asia Pacifico abbiano guidato la ripresa globale delle locazioni: nel suo insieme, la regione ha fatto registrare un incremento del 9% del costo delle locazioni, nel primo trimestre 2011, rispetto a quello dell’anno precedente. Per quanto le fluttuazioni monetarie abbiano influenzato le posizioni in classifica, sei dei primi dieci mercati industriali globali più costosi sono in Asia Pacifico, dove Tokyo e Singapore sono seguite da Sydney in settima posizione e Perth, Brisbane e Hong Kong, rispettivamente, in ottava, nona e decima posizione.

Un più vivace mercato delle locazioni e una crescente domanda da parte degli occupanti si sono poi tradotti in un maggior interesse da parte degli investitori, particolarmente nel settore industriale nelle Americhe e in EMEA. Questo ha portato a una contrazione di 11 punti base del Global Industrial Yield Index di CBRE

“Il mercato industriale degli Stati Uniti, colpito in modo particolarmente duro nel corso degli ultimi anni, sta ora mostrando segnali di ripresa” dice Edward J. Schreyer, SIOR, Amministratore delegato esecutivo degli Industrial Services per le Americhe di CB Richard Ellis. “Mentre sembra che sia stato raggiunto il minimo del ciclo delle locazioni, i locatari cercano di approfittare della situazione valutando locazioni di maggiori dimensioni a prezzi favorevoli e rinegoziando quelle esistenti. I proprietari hanno, invece, evidentemente iniziato a ridurre il livello di incentivi quali le locazioni gratuite e i miglioramenti a favore dei locatari”.

CB Richard Ellis – Località globali per locazioni industriali, US$/piede quadrato, Q1 2011

 

MERCATI

PAESE/STATO

REGIONE

MONETA

MISURA MERCATO LOCALE Q1 2011

US $/PQ EQUIVALENTI Q1 2011

POSIZIONE ATTUALE

POSIZIONE PRECEDENTE

Tokyo

Giappone

Asia

JPY

154,02

22,15

1

1

Londra

UK

EMEA

UK

14,15

20,04

2

2

Singapore

Singapore

Asia

USD $

14,04

14,04

3

4

San Paolo/Campinas

Brasile

America Latina

USD $

12,88

12,88

4

3

Parigi

Francia

EMEA

Euro

8,36

11,84

5

6

Amsterdam (Schiphol)

Paesi Bassi

EMEA

Euro

8,35

11,83

6

5

Sydney

Australia

Pacifico

AUD $

113,27

10,87

7

7

Perth

Australia

Pacifico

AUD $

109,85

10,54

8

9

Brisbane

Australia

Pacifico

AUD $

109,67

10,52

9

10

Hong Kong

Cina

Asia

USD $

9,93

9,93

10

11

Per comunicare con un esperto CBRE, contattare Robert McGrath (212.984.8267 o Robert.McGrath@cbre.com).

 

 

Informazioni su CB Richard Ellis

CB Richard Ellis Group, Inc. (NYSE:CBG), società Fortune 500 e S&P 500 con sede a Los Angeles, è la più grande società al mondo per la fornitura di servizi rivolti agli immobili commerciali (in base al fatturato 2010). La società impiega circa 31.000 dipendenti (escludendo le consociate) e fornisce servizi a proprietari di immobili, investitori nel settore immobiliare e residenti attraverso più di 300 sedi (escludendo le consociate) in tutto il mondo. CB Richard Ellis offre consulenze strategiche e si occupa della vendita e della locazione di proprietà immobiliari; servizi aziendali; gestione di proprietà, infrastrutture e progetti; finanziamento di mutui; stime e perizie; servizi di sviluppo; gestione di investimenti; ricerche e consulenze. Per informazioni, visitare il sito Web della società www.cbre.com.

CBRE Offices Global

CBRE Offices Worldwide