Ignora comandi barra multifunzione Torna a contenuto principale

CB Richard Ellis pubblica un nuovo rapporto sul mercato globale degli uffici

Il rapporto evidenzia una crescita globale dei prezzi delle locazioni di uffici

Los Angeles, 13 giugno 2011 – Il nuovo rapporto Global Office MarketView di CB Richard Ellis (CBRE) evidenzia che i prezzi delle locazioni di uffici sono in ripresa in tutto il mondo, dato confermato dalla crescita del 4,3% del Global Office Rent Index di CBRE nel primo trimestre 2011 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il rapporto prende in esame i mercati globali di uffici in Asia Pacifico, in Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA) e nelle Americhe, comprendendo dati sintetici sullo sviluppo e la costruzione globali di uffici, i tassi di disponibilità, i cicli delle locazioni, la situazione dei principali mercati e i mercati regionali.

“Anche se a livello globale e regionale i prezzi delle locazioni non sono ritornati ai livelli del periodo precedente alla recessione, un deciso incremento annuo del 4,3% dà un po’ di respiro ai proprietari, che hanno sostenuto sette trimestri consecutivi di declino dell’indice” ha commentato Raymond Torto, Economista Capo Globale di CBRE. “Le scarse attività di costruzione di nuovi spazi per uffici, specialmente in EMEA e nelle Americhe, fanno prevedere che il Global Office Rent Index di CBRE continuerà a crescere, anche se in misura modesta, per tutto il 2011”.

Ecco le principali indicazioni che emergono dal rapporto:

Sviluppo e costruzione di nuovi uffici a livello globale 

  • La creazione di nuovi spazi per uffici mostra un segno negativo in EMEA e nelle Americhe – qui dominata dall’attività negli Stati Uniti – mentre è in rapida espansione in Asia Pacifico.
  • La disponibilità di nuovi spazi per uffici in Asia Pacifico segnerà una crescita record pari a quasi il 9%, ed è superiore al 5% da molti anni. Viceversa, la crescita in EMEA e nelle Americhe punta verso il basso, ed è ben al di sotto dell’1% in Nord America.
  • Nella regione EMEA, si prevede una crescita delle nuove realizzazioni per il 2012 in un piccolo gruppo di città, fra cui Londra, Varsavia, Amburgo, Vienna, Milano e Stoccolma, ma in generale il panorama mostra differenze trascurabili rispetto al 2011.
  • La costruzione di nuovi uffici negli Stati Uniti rimane in fase di stallo a causa di più fattori: l’alto tasso di disponibilità, gli spazi presi in locazione ma non utilizzati, la mancanza di finanziamenti, il fatto che i prezzi delle locazioni sono bassi e non incoraggiano spostamenti.


Tassi di disponibilità regionali 

  • Il mercato degli uffici negli Stati Uniti ha fatto registrare il più elevato tasso di disponibilità, pari al 16,4%, relativamente ad Asia ed EMEA. Tuttavia, è prevedibile una sua graduale riduzione con l’ulteriore ripresa dell’economia e del mercato del lavoro nel paese.
  • In Asia la disponibilità ha mostrato un netto declino di oltre 300 punti base (bps: basis points), dal 13,5% del quarto trimestre 2009 al 10,3% del primo trimestre 2011. Una forte riduzione della disponibilità attribuita alla robusta crescita economica nella regione, che ha favorito un deciso assorbimento.
  • La regione EMEA ha fatto registrare la disponibilità più limitata e meno variabile, scesa di 10 bps nel primo trimestre 2011, arrivando al 9,2%. Tuttavia, si tratta di un tasso ancora al di sopra del livello minimo del 6,9% raggiunto nel secondo trimestre del 2008, a riprova che attualmente il mercato rimane poco dinamico dopo la crisi finanziaria globale e nel mezzo della crisi dei debiti sovrani.

 

Riepilogo delle performance regionali dei mercati di uffici 

  • Negli Stati Uniti, la ripresa economica continua il suo lento ma costante percorso. I suoi progressi sono stati contrastati da fattori esterni, quali l’incertezza in Medio Oriente, lo scarso ottimismo dei consumatori e gli alti prezzi di energia e generi alimentari. Nel primo trimestre del 2011 il PIL è cresciuto di appena l’1,8%, a conferma che la ripresa rimane su livelli modesti.
  • Dopo un forte rimbalzo all’indietro nel 2010, lo sviluppo di uffici in EMEA si è normalizzato nel corso del primo trimestre. Al lordo, le attività di locazione nelle principali città europee nel primo trimestre si sono assestate sui 2,4 milioni di metri quadrati, con una riduzione di oltre il 20% rispetto al precedente trimestre. Anche se parzialmente attribuibile a fenomeni stagionali, l’occupazione è stata inferiore del 14% anche rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, con Londra, Bruxelles e Mosca che registrano forti riduzioni su base annua.
  • Nel corso del primo trimestre 2011, l’espansione aziendale si è confermata come il principale fattore di crescita della domanda per i principali spazi di uffici in Asia Pacifico. Anche se nel corso del trimestre la regione è stata colpita da una serie di catastrofi naturali, nello stesso periodo la forte domanda di esportazione e il consumo interno hanno continuato ad alimentare la crescita economica della regione.


Per comunicare con un esperto CBRE, contattare Robert McGrath (212.984.8267 o Robert.McGrath@cbre.com).

 

Informazioni su CB Richard Ellis

CB Richard Ellis Group, Inc. (NYSE:CBG), società Fortune 500 e S&P 500 con sede a Los Angeles, è la più grande società al mondo per la fornitura di servizi rivolti agli immobili commerciali (in base al fatturato 2010). La società impiega circa 31.000 dipendenti (escludendo le consociate) e fornisce servizi a proprietari di immobili, investitori nel settore immobiliare e residenti attraverso più di 300 sedi (escludendo le consociate) in tutto il mondo. CB Richard Ellis offre consulenze strategiche e si occupa della vendita e della locazione di proprietà immobiliari; servizi aziendali; gestione di proprietà, infrastrutture e progetti; finanziamento di mutui; stime e perizie; servizi di sviluppo; gestione di investimenti; ricerche e consulenze. Per informazioni, visitare il sito Web della società www.cbre.com.

CBRE Offices Global

CBRE Offices Worldwide