Ignora comandi barra multifunzione Torna a contenuto principale

Il rapporto di CBRE prevede una costante disponibilità di capitali per i core asset nonostante la turbolenza dei mercati

Le proprietà multifamiliari potrebbero trarre beneficio dall’avversione al rischio da parte degli investitori

Los Angeles, 9 agosto 2011 – Un nuovo Viewpoint sulle Americhe di CB Richard Ellis Group, Inc. (CBRE), “US Deficits, Debt and Commercial Real Estate (Deficit, debito e immobili commerciali degli Stati Uniti)”, analizza l’effetto del recente rallentamento economico, del downgrade da parte di Standard & Poor’s del rating creditizio statunitense e della turbolenza dei mercati finanziari globali sugli immobili commerciali.

“Gli Stati Uniti si trovano di fronte a molteplici sfide, tra cui una crescita economica tiepida, un’impasse a Washington e una traiettoria insostenibile del debito. L’incapacità di mettere in atto una soluzione globale ai problemi economici e del debito ha portato Standard & Poor’s ad abbassare il rating del debito a lungo termine degli Stati Uniti da AAA ad AA+”, ha affermato Asieh Mansour, PhD, Capo ricerche Americhe CBRE. “Mentre ci aspettiamo una costante volatilità del mercato azionario, gli immobili commerciali non se la passeranno così  male poiché rimangono un’asset class preferita, all’interno di un portafoglio istituzionale multi-asset ben diversificato.”

Secondo il rapporto predisposto dalla sig.ra Mansour e dal dott. Raymond Torto, Economista Capo Globale di CBRE, gli investitori in immobili commerciali potrebbero reagire in maniera diversa alle condizioni attuali, a seconda del proprio profilo di rischio. Gli investitori con propensione al rischio più elevata andranno in cerca di opportunità sui mercati volatili, mentre gli investitori con maggiore avversione al rischio potrebbero ritardare le nuove operazioni.

Il Viewpoint di CBRE specifica che i primi segnali sul mercato dei CMBS indicano un ritiro dei capitali, con ampliamento degli spread. Tuttavia, continua a sussistere un’ampia offerta di capitali disponibili per operazioni core; inoltre, il rapporto evidenzia che i tassi di interesse sui prestiti dovrebbero rimanere relativamente bassi, con contratti di prestito prudentemente stipulati sulla  base di clausole più severe. I capitali con maggiore avversione al rischio andranno in cerca di core asset ed asset redditizi nei mercati primari, per soddisfare la domanda.

L’“US Deficits, Debt and Commercial Real Estate (Deficit, debito e immobili commerciali degli Stati Uniti)” mette in guardia sul fatto che si delinerà una minore trasparenza sui criteri di determinazione dei prezzi degli asset immobiliari poiché i parametri di valutazione potrebbero diventare più ardui da assicurare. La ridotta fiducia degli investitori provocherà una rotazione verso asset meno rischiosi ed accrescerà la domanda di core asset sui mercati primari. Secondo CBRE, gli asset ulteriormente al di fuori dello spettro di rischio (mercati secondari, sedi periferiche, ”giochi” a valore aggiunto)  risulteranno meno appetibili finché non si ridurrà l’incertezza economica.

L’analisi di CBRE stima che il settore multifamiliare sarà fondamentalmente il meno colpito da un rallentamento e trarrà beneficio dall’accresciuta avversione al rischio da parte degli investitori. In ogni caso, la struttura delle negoziazioni costituirà un problema e le opportunità maggiormente rischiose risulteranno più difficili da negoziare.

Per visionare l’intero rapporto, fare clic qui. Per parlare con un esperto CBRE, contattare Robert McGrath (telefonare al 212.984.8267 oppure inviare un’email a Robert.McGrath@cbre.com).

 

Informazioni su CB Richard Ellis

CB Richard Ellis Group, Inc. (NYSE:CBG), società Fortune 500 e S&P 500 con sede a Los Angeles, è la più grande società al mondo per la fornitura di servizi rivolti agli immobili commerciali (in base al fatturato 2010). La società impiega circa 31.000 dipendenti (escludendo le consociate) e fornisce servizi a proprietari di immobili, investitori nel settore immobiliare e residenti attraverso più di 300 sedi (escludendo le consociate) in tutto il mondo. CB Richard Ellis offre consulenze strategiche e si occupa della vendita e della locazione di proprietà immobiliari; servizi aziendali; gestione di proprietà, infrastrutture e progetti; finanziamento di mutui; stime e perizie; servizi di sviluppo; gestione di investimenti; ricerche e consulenze. Per informazioni, visitare il sito Web della società all’indirizzo www.cbre.com.

CBRE Offices Global

CBRE Offices Worldwide