Ignora comandi barra multifunzione Torna a contenuto principale

Il settore degli immobili commerciali statunitense continua la ripresa nel quarto trimestre del 2012 secondo CBRE Group, Inc.

Los Angeles, 10 Gennaio 2013 Nonostante la lenta crescita economica, il mercato degli immobili commerciali statunitense è rimasto su un percorso di recupero nel quarto trimestre del 2012 (Q4 2012), secondo le ultime analisi di CBRE Group, Inc.

  • I mercati uffici nazionali resistono alle pressioni della ripresa economica non uniforme, alle incertezze del bilancio federale e alle catastrofi naturali, con una caduta delle vacancy di 10 punti base (bps) per raggiungere il 15,4% nel 4° trimestre 2012.
  • La disponibilità industriale nazionale1 è scesa di 30 bps nel 4° trimestre 2012 al 12,8%, il che rappresenta il maggior calo trimestrale dal recupero del settore industriale iniziato nel 2010. La disponibilità industriale è ora scesa a 180 bps rispetto al picco del 14,6% nel 3° trimestre 2010.
  • Il tasso di disponibilità del settore retail è leggermente diminuito al 12,8%, in calo di 10 bps rispetto al trimestre precedente.
  • La richiesta di edifici residenziali del paese rimane solida con vacancy al 5% nel 4° trimestre 2012.

“Il disco rotto del lento ma positivo avanzamento verso una ripresa immobiliare continua a ripetersi", ha dichiarato Jon Southard, Amministratore delegato del gruppo Econometric Advisors CBRE. "Il cambiamento da notare di questa persistente tendenza è il miglioramento del settore industriale, dal momento che le spedizioni stanno aumentando a un ritmo più veloce del lavoro.”

Mercato degli uffici

Per tutto il 2012, il tasso vacancy degli uffici è diminuito di 60 bps a indicare che la ripresa del settore uffici

segue la giusta rotta. Nell'ultimo trimestre dell'anno, il tasso di vacancy è sceso in 38 mercati, è aumentato in 19 ed è rimasto invariato in sei. Ancora una volta, le periferie  hanno avuto prestazioni migliori dei mercati del centro, con un calo trimestrale di 20 bps, rispetto al calo di 10 bps dei centri città. Il tasso di vacancy  delle periferie ha chiuso l'anno al 17,1%, 70 punti base in meno rispetto al 2011, mentre il tasso di vacancy  dei centri città si è chiuso al 12,3%, 40 bps in meno rispetto al 2011.

I mercati  tecnologici, dei software ed energetici hanno registrato i maggiori aumenti di occupancy nel 2012, con tassi di vacancy in calo di 200 bps o più a San Jose, Austin, Boston e Houston. Come nel 2011, alcuni mercati immobiliari o CANVFLAZ (California, Nevada, Arizona e Florida) hanno ottenuto i migliori risultati l'anno scorso, in quanto i locatari hanno bloccato gli affitti a livelli bassi e ampliato le loro impronte negli uffici. I tassi di vacancy a Phoenix, Miami, Orange County e Ventura sono diminuiti di 150 bps o più nel 2012.

“Nonostante il tasso di vacancy degli uffici a livello nazionale sia diminuito per il terzo anno consecutivo, rimane a 300 bps al di sopra del calo pre-recessione del 12,4%", ha dichiarato il Sig. Southard. "Dopo un buon inizio nel 2012, la crescita dell'occupancy è stata deludente e, mentre il recente accordo sul bilancio firmato dal Congresso e dal Presidente per evitare il "fiscal cliff"2 potrebbe alleviare alcune preoccupazioni a breve termine, le incertezze che circondano i continui negoziati sul tetto del debito federale e sugli ulteriori tagli alla spesa pubblica continueranno a rappresentare i rischi al ribasso per gli immobili nel breve termine. Tuttavia, le assunzioni del settore privato e la fiducia dovrebbero accelerare se Washington DC sarà in grado di creare accordi sul bilancio a lungo termine e se le preoccupazioni in Europa rimarranno controllate, aprendo la strada a forte crescita di posti di lavoro e di assorbimento.”

Mercato industriale

Il quarto trimestre 2012, con un tasso di disponibilità del 12,8%, è il decimo trimestre consecutivo in cui la disponibilità industriale è diminuita. Nel corso degli ultimi due anni, il mercato industriale ha visto un lento declino ma una costante disponibilità, che è scesa dal 14,6% nel 2010. La ripresa continua a essere a base ampia, con 40 mercati in discesa, 16 in aumento e cinque invariati. Minneapolis ha continuato a guidare il declino della disponibilità (-140 bps), seguita da Detroit (-130 bps) e Salt Lake City (-120 bps). Chicago, il più grande mercato industriale del paese, ha registrato un calo di 20 bps nella disponibilità, mentre Los Angeles, il secondo mercato più grande della nazione, è rimasto invariato.  

Mercato retail

I

retailer non si sbilanciano nell'acquisire notevoli quantità di nuovi spazi, ma il lento declino della disponibilità continua con il tasso in calo al 12,8% nel 4° trimestre 2012, 30 bps in meno rispetto al tasso di un anno fa. La maggior parte dei mercati retail ha registrato tassi di disponibilità in ristagno o in calo rispetto a un trimestre fa. Alcuni buoni risutati sono stati riscontrati a Denver, Cincinnati, Fort Worth, Kansas City e Minneapolis; ciascuno di questi mercati ha registrato una flessione pari o superiore a 60 bps. All'estremo  opposto, i mercati come Tulsa, Long Island e Bakersfield hanno registrato un aumento dei tassi di disponibilità pari o superiore a 50 bps nel quarto trimestre del 2012. 

Mercato degli appartamenti

Il ritmo di espansione nei fondamentali degli appartamenti è rallentato, con un tasso di vacancy in caduta di 20 pb al 5% a fine anno 2012. Questo è nettamente al di sotto dei cali di 140 bps e 80 bps registrati rispettivamente nel 2010 e nel 2011. Mentre la crescita della domanda è rallentata nel corso del trimestre, il mercato è rimasto aderente agli standard storici, con il tasso medio di vacancy fermo al 4,9%, o 40 bps al di sotto della norma a lungo termine (20 anni). Rispetto a un anno fa, i tassi di vacancy sono diminuiti in 35 dei 63 mercati monitorati. I mercati con i più grandi cali nella vacancy (più di 100 bps) includono Birmingham, Jacksonville, Charlotte, Atlanta, Seattle e Norfolk. I mercati con i più bassi tassi di vacancy (inferiori al 3,5%) includono Miami, Newark, Oakland, Pittsburgh, Minneapolis, Edison, Providence, Boston e Ventura. I mercati a più alto tasso di vacancy (sopra l'8%) includono Tucson, Memphis, Las Vegas, Jacksonville, e Greensboro.

La crescita dell'affitto efficace dovrebbe rimanere forte e i fondamentali degli appartamenti dovrebbero continuare a migliorare nel 2013 con la ripresa dell'economia. Ora, con affitti efficaci ben al di sopra dei loro livelli di pre-recessione nella maggior parte dei mercati principali, la nuova attività di costruzione degli appartamenti si è ripresa negli ultimi mesi ed è probabile che i completamenti tornino ai valori storici il prossimo anno. 

1 La disponibilità è lo spazio che viene attivamente commercializzato e reso disponibile agli inquilini entro 12 mesi.

2 “Fiscal cliff” si riferisce alla scadenza di alcuni benefici fiscali negli Stati Uniti e all' automatica riduzione di alcune spese del governative statunitensi alla fine del 2012, se il Congresso degli Stati Uniti non intraprenderà alcuna azione in senso opposto.                                                

Informazioni su CBRE Group, Inc.
CBRE Group, Inc. (NYSE:CBG), società Fortune 500 e S&P 500 con sede a Los Angeles, è la più grande società al mondo per la fornitura di servizi rivolti agli immobili commerciali (in base al fatturato 2011). La società impiega circa 34.000 dipendenti (escludendo le consociate) e fornisce servizi a proprietari di immobili, investitori nel settore immobiliare e residenti attraverso più di 300 sedi (escludendo le consociate) in tutto il mondo. CBRE offre consulenze strategiche e si occupa della vendita e della locazione di proprietà immobiliari; servizi aziendali; gestione di proprietà, infrastrutture e progetti; finanziamento di mutui; stime e perizie; servizi di sviluppo; gestione di investimenti; ricerche e consulenze. Per informazioni, visitare il sito Web della società www.cbre.com.

​​​​

CBRE Offices Global

CBRE Offices Worldwide