Ignora comandi barra multifunzione Torna a contenuto principale

Le strade di Hong Kong guidano l’ascesa delle locazioni retail globali

Locazioni retail a New York, Londra, Tokyo e Zurigo in crescita

Los Angeles, 19 agosto 2013 – Hong Kong è di gran lunga la città più costosa del mondo per i retailer globali, ma le locazioni prime a New York, Londra, Tokyo e Zurigo sono in crescita, a giudizio di una nuova ricerca del consulente per le proprietà globali, CBRE Group, Inc.

La classifica trimestrale CBRE (Q2 2013) dei 10 mercati prime retail globali non ha registrato cambiamenti significativi rispetto ai trimestri precedenti; tuttavia, quattro dei 10 mercati principali - New York, Londra, Zurigo e Tokyo - hanno rilevato aumenti trimestrali nelle locazioni prime retail, rispetto a un solo mercato durante il trimestre precedente. Dal punto di vista storico, questa crescita è alimentata da scarsi livelli di costruzione e da una concorrenza spietata tra i retailer per l'ubicazione migliore, il che comporta locazioni da record in molti mercati globali.

"I retailer globali continuano ad aspirare a ubicazioni retail di maggior rilievo nelle città "gateway" in quanto tali corridoi attirano acquirenti globali e offrono valore alla visibilità del brand", ha detto Anthony Buono, amministratore delegato esecutivo, Retail Services Americhe, CBRE.

Hong Kong (USD 46.586 per mq all'anno) è in cima alla classifica con un margine sostanziale, New York (USD 32.830 per mq all'anno) si trova al secondo posto assegnando locazioni prime a USD 12.916 per mq in meno rispetto a Hong Kong. Analogamente, esiste un ampio margine superiore a oltre USD 19.375 per mq all'anno tra New York e la terza città in classifica, Parigi (USD 13.132 per mq all'anno).

Classifica delle locazioni prime retail, Classifica per USD per piede quadrato all'anno

 

Nonostante le sue locazioni elevate, i retailer continuano a stabilire la propria presenza a Hong Kong, tentando di trarre vantaggio dal crescente contesto retail di beni di lusso del mercato. Secondo la ricerca di CBRE, l'anno scorso 51 nuovi retailer hanno aperto punti vendita a Hong Kong e la città vanta la massima rappresentanza tra i dettaglianti di beni di lusso di tutti i mercati globali.

"L'arrivo di turisti benestanti e la carenza di spazio disponibile rendono la ricerca di un'unità idonea nelle principali sedi retail di Hong Kong una sfida difficile per i retailer nuovi e per quelli esistenti", ha commentato Joe Lin, Direttore esecutivo Retail, Hong Kong, CBRE. "Le unità in location prime con facciate e dimensioni del punto vendita ragionevoli sono di rado disponibili, lasciando ai retailer una scelta limitata. Pertanto, la predilezione di spazi con tali caratteristiche continua a generare una forte domanda, il che mantiene elevati (e in crescita) i livelli di mercato delle locazione prime."

New York ha mostrato un tasso di crescita trimestrale nei livelli di locazione prime retail pari al 2,7%, ossia un aumento annuale del 22% rispetto all'anno scorso. La domanda dei retailer internazionali resta forte a New York e i livelli di turismo continuano a promuovere un'attività di vendite retail elevata.

A Londra (USD 12.443 per mq all'anno) la crescente fiducia dei consumatori, le vendite elevate e il maggiore traffico di passanti hanno complessivamente alimentato la domanda dei locatari. In particolare, lo squilibrio tra domanda e offerta su New Bond Street e Old Bond Street ha comportato l'aumento delle locazioni prime della zona centrale di Londra del 9,1% trimestre su trimestre e del 20% anno su anno, misurato in valuta locale.

La preferenza di aree prime continua a incidere sulle relative locazioni a Zurigo (USD 9.644 per mq all'anno), dove le locazioni sono aumentate del 2,2% trimestre su trimestre e del 5,6% anno su anno.

La scarsa offerta di aree prime nonché il rafforzamento graduale della fiducia degli occupanti hanno contribuito a un aumento del 2,0% della locazioni a Tokyo, trimestre su trimestre in valuta locale. Considerata una porta per l'Asia da molti retailer stranieri, la concorrenza per ubicazioni prime a Tokyo è rimasta spietata. Anche i retailer nazionali si sono ampliati, e alcuni di essi con sede a Osaka hanno esteso la propria presenza nella capitale per la prima volta.

"La domanda dei consumatori e le condizioni di fiducia sono migliorate in modo significativo grazie al rafforzamento dell'economia", ha sottolineato Junichi Taguchi, Amministratore delegato della divisione Retail Services di CBRE in Giappone. "I retailer di beni di lusso hanno rilevato una spinta positiva nella domanda di articoli di marca, i quali stanno registrando alti valori di vendita nei grandi magazzini sin dall'inizio dell'anno".

Le locazioni prime a Sydney (USD 10.171 per mq), Melbourne (USD 8.546 per mq) e Brisbane (USD 6.092 per mq) sono rimaste costanti questo trimestre, nonostante le deboli cifre del fatturato retail.

"L'Australia continua a trarre vantaggio dagli scarsi tassi di vacancy e la nuova, limitata offerta immessa sul mercato", ha detto Josh Loudoun, Responsabile Senior, Retail Services Australia, CBRE. "Anche l'afflusso di retailer internazionali continua sia con Brooks Brothers dagli USA e sia con Marks & Spencer dal Regno Unito, che hanno da poco annunciato il loro arrivo in Australia".

"Un'altra considerazione è costituita dalle prossime elezioni federali. La storia mostra che le vendite retail a seguito delle elezioni federali di solito subiscono una forte impennata a breve termine in quanto la fiducia dei consumatori sale, il che si traduce in una crescita delle locazioni nei 12 mesi successivi. Quanto suddetto coincide anche con una serie di locazioni "boom" del 2008/2009 che a breve giungeranno alla fine del quinquennio", ha aggiunto Loudoun.

Nota per editori/giornalisti: Per parlare con un esperto retail di CBRE, inviare una email a robert.mcgrath@cbre.com  

Informazioni su CBRE Group, Inc.
CBRE Group, Inc. (NYSE:CBG), società Fortune 500 e S&P 500 con sede a Los Angeles, è la più grande società al mondo per la fornitura di servizi rivolti agli immobili commerciali ed agli investimenti (in base al fatturato 2012). La società impiega circa 37.000 dipendenti (escludendo le consociate) e fornisce servizi a proprietari di immobili, investitori nel settore immobiliare e residenti attraverso più di 300 sedi (escludendo le consociate) in tutto il mondo. CBRE offre consulenze strategiche e si occupa della vendita e della locazione di proprietà immobiliari; servizi aziendali; gestione di proprietà, infrastrutture e progetti; finanziamento di mutui; stime e perizie; servizi di sviluppo; gestione di investimenti; ricerche e consulenze. Per informazioni, visitare il nostro sito Web su www.cbre.com.   

CBRE Offices Global

CBRE Offices Worldwide